Le Crete Senesi
Suggestivo ed immenso paesaggio collinare dagli orizzonti infiniti, uno dei paesaggi più fotografati al mondo.
Ognuno di noi ha impressa nella mente almeno un’ immagine incantata di questa terra dai tratti morbidi ed arrotondati, che ha l’incredibile capacità di cambiare colore con il susseguirsi delle stagioni.
Un morbido mare verde a primavera seguito in autunno da un caldo tappeto marrone striato dai solchi degli aratri.
Una terra generosa per i tanti prodotti che offre a chi la ama e la coltiva;
frumento, il suo celeberrimo “cacio” pecorino con il suo gusto inconfondibile che le erbe selvatiche brucate dalle pecore conferiscono al latte, terra adornata dagli uliveti che producono il pregiatissimo olio DOP “Terre di Siena” e ricca di Tartufi, compreso uno dei più rari d’Italia il Tartufo Bianco.

La Creta è la regina di questa terra: i mattoni infatti sono la caratteristica stupenda dei poderi che adornano le morbide colline o che conferiscono imponenza a grandiose strutture comel’Abbazia di Monte Oliveto Maggiore ( vero e proprio capoluogo spirituale delle Crete Senesi, con lo stupendo chiostro affrescato nel ’500 dal Sodoma e dal Signorelli )

 

ci sono poi La Grancia di Cuna, Il Castello di San Giovanni d’Asso, e le antiche Mura di Buonconvento.
A Rapolano invece è terra di terme e travertino, la pietra ed il mattone si incontrano ad Asciano, dove accanto alle mura Senesi trecentesche e all’architettura romanica della Basilica di Sant’Agata si possono anche ammirare i tesori artistici diPalazzo Corboli divenuto adesso un Museo.

Si trovano nelle vicinanze anche l’Abbazia di Sant’ Antimo .